Pulecenella
Flag Counter

Napoletani
famosi

Salvatore Papaccio

(23.06.1890 - 24.12.1977)

Un cantante italiano.

Testi delle canzoni napoletane

RussiaRUS
ItaliaITA
InghilterraENG

'A ricetta 'e Napule


Museca: Pasquale Frustaci,

Vierze: Ciro Parente.

Anno: 1934

La ricetta di Napoli


Musica: Pasquale Frustaci,

Versi: Ciro Parente.

Anno: 1934


'Nu viecchio milionario americano
Teneva nun se sa che malatia.
Era nefrite, tisi o pucundria?..
'A scienza nun sapeva andivinà.

Però un amico intimo dicette:
"Pe' guarì 'a 'sta malatia
Portiamolo in Germania,
Ce stanno prufessure 'e chirurgia".

E 'o juorno appriesso, 'ncopp'a 'nu vapore,
Passaje ll'oceano 'o povero signore.

'E meglie scienziate berlinese
'O visitajeno senza capì niente.
Però, sapenno ca ce steva 'argiento,
Dicettero: "Tentiamo d'operà".

Senza nisciunu scrupolo
'Tagliajeno 'o cuorpo 'e chillu vicchiariello
E, quanno fuje a ll'urdemo,
Campava e nun campava 'o puveriello.

E quase quase, tanto d' 'o dulore,
Steva saglienno 'ncielo add' 'o Signore.

Ma Napule, vedenno 'stu vapore
Ca se purtava 'o viecchio quase muorto,
Dicette: "Favorite dint' ô Puorto,
Tengo 'na cosa ca lle pò giuvà".

Pigliaje 'nu poco 'e Vommero
Cu vinticinche gramme 'e Margellina,
'Nu pizzeco 'e Pusilleco
E 'o preparaje 'na bella mmedecina.

E 'o viecchio, nun appena s' 'a pigliaje,
Dint'a 'nu quarto d'ora se sanaje.

Chest'è 'a ricetta 'e Napule:
'Nu poco 'e sole vi' che te cumbina!
Pure chi è muorto 'e subbeto
Venenno ccà, risuscita e cammina.

Nun ce vò menta cedra e fronn' 'aruta
Pe' stà sempe benissimo in salute.



Un vecchio milionario americano
Aveva non si sa quale malattia.
Era nefrite, tisi o malinconia?..
La scienza non sapeva indovinare.

Però un amico intimo disse:
"Per guarire da questa malattia
Portiamolo in Germania,
Ci sono professori di chirurgia".

E il giorno dopo, sopra ad una nave,
Passò l'oceano il povero signore.

I migliori scienziati di Berlino
Lo visitarono senza capire nulla.
Però, sapendo che era ricco,
Dissero: "Tentiamo di operare".

Senza nessuno scrupolo
Tagliarono il corpo di quel vecchietto
E, quando fu alla fine,
Viveva e non viveva il poveretto.

E quasi quasi, tanto dal dolore,
Stava salendo in cielo dal Signore.

Ma Napoli, vedendo questa nave
Che portava il vecchio quasi morto,
Disse: "Favorite dentro al Porto,
Ho una cosa che gli può giovare".

Prese un poco di Vomero*
Con venticinque grammi di Mergellina*,
Un pizzico di Posillipo**
E gli preparò una bella medicina.

E il vecchio, non appena la prese,
In un quarto d'ora si sanò.

Questa è la ricetta di Napoli:
Un poco di sole vedi cosa ti combina!
Anche chi è morto all'istante
Venendo qui, risuscita e cammina.

Non ci vuole menta di cedro e foglia di ruta
Per stare sempre benissimo in salute.

tradotto da Natalia Cernega

* Vomero e Mergellina sono quartieri di Napoli,
** Posillipo è un borgo di Napoli.