Pulecinella
Flag Counter

I napoletani
famosi

Eduardo
De Filippo

(24.05.1900 - 31.10.1984)

Un drammaturgo, attore, regista e sceneggiatore italiano, autore di numerosi drammi teatrali.

Gli strumenti
napoletani

Il putipù

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

'A casa 'e donn'Amalia


Museca: Umberto Mazzone,

Vierse: Alfonso Fiordelisi.

Anno: 1907

La casa di donn'Amalia


Musica: Umberto Mazzone,

Versi: Alfonso Fiordelisi.

Anno: 1907

Donn'Amà,
Quann'i' 'mmocco 'sta via,
Quanno guardo 'sta bella fenesta
Addò vuje nce tenite 'na testa
Cu 'na rosa, i' mme sento murì!

Ma si è bella 'a fenesta, cchiù bella
Sarrà 'a casa, donn'Amà, ca tenite
E ogne vota ca passo, credite,
Tengo 'a smania 'e vulerme 'mpezzà!

"Don Gennà, mi scuserete?"
"Non è cosa per la quale!"
"Donn'Amà, si permettete,
I' ve voglio visità".

"Troppo onore, ma 'o ssapite:
I' sò vedova 'a tre anne
E da allora, mme capite,
Maje nisciuno faccio entrà!"

" 'A tre anne?" "Certamente!"
"Maje nisciuno?" "Maje nisciuno!"
"Chest'è forte overamente!
Nun 'o crero, donn'Amà!"

Pe' tre mise ogne ghiuorno passavo
Donn'Amalia 'nzerrata se steva,
I' sperevo, sperevo, sperevo
E donn'Amalia 'ncucciava a dì No!

Ma 'na sera ca steva affacciata
I' dicette: "Donn'Amà, mme credite?
I' mo moro! Don Gennà, che dicite?
Donn'Amà, mme dicite ca Sì!"

Si nce vede quacheduno
Manco 'e sierpe song' asciute.
"Chi sta llà?" "Nun è nisciuno!
E 'mmuccateve, don Gennà!"

Comm'è scuro! "Sò trasuto?"
"Sì trasuto". Nun mme pare.
Mamma mia, mme sò sperduto!
"E addò stongo, donn'Amà?"

"Tu mo staje dint'ô salone".
Chist'è 'o llario ô Mercatiello!
Ccà se corre c' 'o spadone!
"Bonasera, donn'Amà!"

'Na matina donn'Amalia assummaje:
"Che cos'è? Che cos'è t'hê scurdato?"
"Pe' sapè, piccerì, chella strata
Né pecché te faje caro a vedè.

Aggio 'a casa mo' mo' sceriate:
È 'nu specchio, 'nu vero brillante.
Pare proprio 'na casa 'e rignante,
Viene e vire ch'è fatta pe' tte!

Che rispunne?" "Mme scusate!"
"Comme, comme!" "Si nun vengo..."
"Nun sò avvezzo". "Perdonate!
Llà nun saccio ch'aggi' 'a fà!"

"Bella mia,
I' mme sò fatto una sola cammarella".
"Chella casa sarrà bella
Ma pe' mme, pe' mme nun va!

È 'abitudine, capite,
C'è chi veve 'nfaccia ô cato".
"I' mme songo abituato c' 'o bicchiere.
Bonasera, donn'Amà!"

Donn'Amalia,
Quando imbocco questa via,
Quando guardo questa bella finestra
Dove voi ce tenete un vaso
Con una rosa, io mi sento morire!

Ma se è bella la finestra, più bella
Sarà la casa, donn'Amalia, che avete
Ed ogni volta che passo, credete,
Ho la voglia di intrufolarmi!

"Don Gennaro, mi scuserete?"
"Non è cosa corretta!"
"Donn'Amalia, se permettete,
Io vi voglio visitare".

"Troppo onore, ma lo sapete:
Sono vedova da tre anni
E da allora, mi capite,
Mai nessuno faccio entrare!"

"Da tre anni?" "Certamente!"
"Mai nessuno?" "Mai nessuno!"
"Questo è forte veramente!
Non lo credo, donn'Amalia!"

Per tre mesi ogni giorno passavo
Donn'Amalia rinchiusa si stava,
Io mi struggevo, struggevo, struggevo
E donn'Amalia si ostinava a dire di No!

Ma una sera che stava affacciata
Io dissi: "Donn'Amalia, mi credete?
Io muoio! Don Gennaro, che dite?
Donn'Amalia, ditemi di Sì!"

Se ci vede qualcuno
Facciamo finta di niente.
"Chi è là?" "Non c'è nessuno!
E imbucatevi, don Gennaro!"

Come è scuro! "Sono entrato?"
"Sei entrato". Non mi sembra.
Mamma mia, mi sono perso!
"E dove sono, donn'Amalia?"

"Tu adesso stai nel salotto".
Questo è Largo del Mercatello!*
Qui si corre con lo spadone!
"Buonasera, donn'Amalia!"

Una mattina donn'Amalia mi si parò innanzi:
"Cos'è? Cos'è ti sei scordato?"
"Solo per sapere, piccolo, perché
Ti fai tanto desiderare per vedere quella strada.

Ho appena lucidato la casa:
È uno specchio, un vero brillante.
Sembra proprio degna di un re
Vieni e vedrai ch'è fatta per te!

Che rispondi?" "Scusatemi!"
"Come, come!" "Se non vengo..."
"Non sono avvezzo". "Perdonate!
Là non so che fare!"

"Bella mia,
Mi sono fatto una camera singola".
"Quella casa sarà bella
Ma per me, per me non va!

È l'abitudine, capite,
Di chi beve dal secchio".
"Io mi sono abituato al bicchiere.
Buonasera, donn'Amalia!"


* oggi piazza Dante.