Pulecinella
Flag Counter

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

'A carretta d' 'e suonne


Museca: Giuseppe Rocca,

Vierse: Ciro Parente.

Anno: 1952

La carretta dei sogni


Musica: Giuseppe Rocca,

Versi: Ciro Parente.

Anno: 1952

Comme s'è fatta longa 'sta sagliuta!
Va trova primm' 'e me chi c'è passato…
Va trova primm' 'e me chi s'è perduto…
Comme s'è fatta longa 'sta sagliuta!

Io trascino 'a carretta d' 'e suonne
Pe' 'nu suonno ca tutt'è custato.
Me vò bbene però sò tant'anne
Ca me conta 'nu fatto pe' 'n'ato.
Nun 'o credo ma nun ciò dico
E m'astregna 'ncopp' ô core
Comme 'n'amico
Mentre ll'uocchie se 'nfonneno 'e suonne
E nun ponno durmì.

Comme s'è fatta longa 'sta sagliuta!
Va trova si 'nu juorno pò fernì…

Io trascino 'a carretta d' 'e suonne
Pe' 'nu suonno ca tutt'è custato.
Me vò bbene però sò tant'anne
Ca me conta 'nu fatto pe' 'n'ato.
Nun 'o credo ma nun ciò dico
E m'astregna 'ncopp' ô core
Comme 'n'amico
Mentre ll'uocchie se 'nfonneno 'e suonne
E nun ponno durmì.

Comme s'è fatta longa 'sta sagliuta!
Va trova si 'nu juorno pò fernì…
'A carretta d' 'e suonne cammina,
Ma nun cagna 'na strata pe' 'n'ata.

Come si è fatta lunga questa salita!
Chissà chi c'è passato prima di me…
Chissà chi si è perso prima di me…
Come si è fatta lunga questa salita!

Trascino la carretta dei sogni
Per un sogno che mi è costato tutto.
Mi vuole bene però sono tanti anni
Che mi racconta un fatto per un altro.
Non lo credo ma non glielo dico
E mi stringe sul cuore
Come un amico
Mentre gli occhi si bagnano di sonno
E non possono dormire.

Come si è fatta lunga questa salita!
Chissà se un giorno può finire…

Trascino la carretta dei sogni
Per un sogno che mi è costato tutto.
Mi vuole bene però sono tanti anni
Che mi racconta un fatto per un altro.
Non lo credo ma non glielo dico
E mi stringe sul cuore
Come un amico
Mentre gli occhi si bagnano di sonno
E non possono dormire.

Come si è fatta lunga questa salita!
Chissà se un giorno può finire…
La carretta dei sogni cammina,
Ma non cambia una strada per un'altra.

tradotto da Natalia Cernega