Pulecinella
Flag Counter

Gli strumenti
napoletani

La ciaramella

Altre canzoni di Vincenzo D'Annibale

Addio a Maria
'O paese d' 'o sole

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

'A canzona 'e Surriento


Museca: Vincenzo D'Annibale,

Vierse: Egidio Scutellaro.

Anno: 1950

La canzone di Sorrento


Musica: Vincenzo D'Annibale,

Versi: Egidio Scutellaro.

Anno: 1950

L'ultima canzone del Maestro Vincenzo D'Annibale.

Guarda che bella 'nfrascata,
Siente c'addore 'e limone;
Tutto Surriento è affatato,
Tutt' 'e ciardine sò 'nfiore.

Ll'aria è serena e celeste,
Ll'acqua d' 'o mare è turchina.
Riestete fore â fenesta,
Luntana 'sta voce te chiamma:
Marì!

Nun pozzo darte 'nu regno,
Nun tengo casa e brillante.
'A varca e 'a canzona 'e Surriento
Te dongo; e 'stu core ca spera pe' tte!

'Stu sciato 'e viento gentile,
Dimme, si è museca o voce?
Ll'onne ce cantano 'a nonna.
Tutto è 'na connola 'e pace.

Luceno ll'uocchie 'int'a ll'uocchie,
Tremma 'sta vocca vasata.
Riestane 'ncopp'ê ddenocchie
Cu 'e mmane 'int'ê mmane, durmenno,
Marì!

Nun pozzo darte 'nu regno,
Nun tengo casa e brillante.
'A varca e 'a canzona 'e Surriento
Te dongo; e 'stu core ca spera pe' tte!

Stanche 'e 'na notte 'e fatica
Tornano 'e vuzze arrancanno.
Pallida e pesola 'a luna
Cade a punente tremmanno.

Bella, tu pure arrepuose,
Sazia 'e 'sta notte d'ammore.
Cu 'e mmane 'ncroce, scurnosa,
Durmenno me suonne e me chiamme,
Marì!

Nun pozzo darte 'nu regno,
Nun tengo casa e brillante.
'A varca e 'a canzona 'e Surriento
Te dongo; e 'stu core ca spera pe' tte!

Guarda che bel pergolato,
Senti che odore di limoni;
Tutto Sorrento è incantato,
Tutti i giardini sono in fiore.

L'aria è serena e celeste,
L'acqua del mare è turchina.
Rimani fuori alla finestra,
Lontano questa voce ti chiama:
Maria!

Non posso darti un regno,
Non ho case e brillanti.
La barca e la canzone di Sorrento
Ti dò; e questo cuore che spera per te!

Questo alito di vento gentile,
Dimmi se è musica o voce?
Le onde ci cantano la ninna nanna.
Tutto è una culla di pace.

Luccicano gli occhi dentro agli occhi,
Trema questa bocca baciata.
Rimani sopra alle ginocchia
Con le mani nelle mani, dormendo,
Maria!

Non posso darti un regno,
Non ho case e brillanti.
La barca e la canzone di Sorrento
Ti dò; e questo cuore che spera per te!

Stanche di una notte di lavoro
Tornano le barche a fatica.
Pallida e sospesa la luna
Cade a ponente tremando.

Bella, tu pure riposi,
Sazia di questa notte di amore.
Con le mani in croce, timida,
Dormendo mi sogni e mi chiami,
Maria!

Non posso darti un regno,
Non ho case e brillanti.
La barca e la canzone di Sorrento
Ti dò; e questo cuore che spera per te!